UIT

Regione Campania: obbligo di indossare la mascherina ed in tabaccheria anche misurazione della temperatura

0

 Il Presidente Vincenzo De Luca ha firmato l’ordinanza (n° 72 del 24/09/2020), che contiene ulteriori misure per la prevenzione e la sicurezza. Su tutto il territorio regionale, con decorrenza dal 24 settembre 2020 e fino al 4 ottobre 2020, fatta salva l’adozione di ulteriori provvedimenti in conseguenza della rilevazione quotidiana dei dati epidemiologici della regione, viene disposto l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto.

Occorre – ha dichiarato il Presidente De Luca -ripristinare immediatamente comportamenti responsabili, a maggior ragione con l’apertura delle scuole. Se vogliamo evitare chiusure generalizzate è necessario il massimo rigore“.

E’ disposto, tra l’altro:

  • l’obbligo, su tutto il territorio regionale, di indossare la mascherina anche nei luoghi all’aperto, durante l’intero arco della giornata, a prescindere dalla distanza interpersonale, fatte salve le previsioni degli specifici protocolli di settore vigenti (ad esempio per le attività di ristorazione, bar, sport all’aperto). L’obbligo rimane escluso per i bambini al di sotto dei sei anni, per i portatori di patologie incompatibili con l’uso della mascherina e durante l’esercizio in forma individuale di attività motoria e/o sportiva.
  • È fatto obbligo ai titolari di esercizi commerciali (quindi anche le tabaccherie), culturali, ricreativi, o comunque aperti al pubblico, non all’aperto, di effettuare la misurazione della temperatura corporea all’ingresso dei locali di esercizio e di assicurare la presenza di dispenser di gel e/o soluzioni igienizzanti, subordinando l’accesso ai locali alla previa igienizzazione delle mani e al riscontro di temperatura inferiore a 37,5 gradi C°.

Questa ordinanza del Presidente De Luca, emessa all’indomani dello straordinario successo che lo ha visto riconfermato alla guida della Regione Campania ed alla luce di quanto emerso dalla riunione dell’Unità di Crisi, vede ancora una volta noi Tabaccai in prima linea” – ha dichiarato il presidente della UIT Pasquale Genovese.

Ancora una volta saremo stretti osservanti di quanto imposto a sostegno del contenimento dell’espandersi della pandemia che vede in questi ultimi giorni un incremento di casi proprio in Campaniacontinua GenoveseNon ci aspettiamo encomi ma siamo fiduciosi, e per questo porteremo nelle opportuni sedi amministrative i nostri contributi, del riconoscimento dell’ulteriore sacrificio che viene richiesto ai colleghi della Campania, ai quali va tutta la mia solidarietà”

I colleghi campani dovranno necessariamente rimodulare il loro essere Concessionari dello Stato organizzando il lavoro in tabaccheria per il rispetto di quanto prescritto specialmente per quanto attiene alla misurazione della temperatura corporea della clientela che sicuramente necessita di un secondo aiuto nel lavoro, con tutti i conseguenziali adempimenticonclude il presidente Genovese.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.